Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: 2MAMME4LIBRI

Buon pomeriggio, è tornato l'appuntamento mensile con la rubrica 2mamme4libri in collaborazione con Francesca Righi. Questa volta il tema scelto è il cibo e di conseguenza abbiamo scelto due libri a testa che trattano di cibo. Per i bambini ho scelto I tre tortellini di Roberto Piumini, mentre per i più grandi ho scelto Estasi culinarie di Muriel Barbery.
ESTASI CULINARIE Autrice: Muriel BarberyEditore: Edizioni e/oPagine: 139Data di pubblicazione: 3 marzo 2010Genere: romanzoLink d'acquisto:https://amzn.to/3mZlGvO

Nel signorile palazzo di rue de Grenelle, già reso celebre dall'"Eleganza del riccio", monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione, è in punto di morte. Il despota cinico e tremendamente egocentrico, che dall'alto del suo potere smisurato decide le sorti degli chef più prestigiosi, nelle ultime ore di vita cerca di recuperare un sapore primordiale e sublime, un sapore provato e che ora gli sfugge, il Sapo…

#23 Santa Muerte

Buon pomeriggio, oggi pubblico la recensione di Santa Muerte di Ettore Zanca edito Ianieri Edizioni, un libro che mi ha piacevolmente sorpresa sotto vari punti di vista.


Autore: Ettore Zanca
Editore: Ianieri Edizioni
Pagine: 212
Collana: Forsythia
Data di pubblicazione: 30 maggio 2019
Genere: romanzo

SINOSSI

Per le strade di Labella, una città meravigliosa quanto corrotta, si aggira Leonida, un killer prezzolato che ha perso tutto ciò che ama. Ha una gatta di nome Morgana e un soprannome affibbiato: Santa Muer-te. Ha appena accettato da una multinazionale un incarico molto particolare. Le sue vittime sono consapevoli, vogliono essere ammazzate e firmeranno anche un contratto per la loro esecuzione che ha delle garanzie precise per il "dopo". Leonida ascolterà le storie di un gruppo di disillusi dalla vita, da Alessandro, medico che non ha salvato il suo migliore amico, fino a Riccardo, il cui padre si è ucciso e che si rifugia nella musica e a Giulia, giovane donna con troppi fantasmi e violenze. Sullo sfondo un concerto epocale e un omicidio. Da quel momento le vite dei protagonisti cambieranno per sempre. Come nessuno, nemmeno Santa Muerte, aveva previsto.

Leonida che porta il nome di un re di Sparta sconfitto in battaglia, si sente egli stesso uno sconfitto, uno sconfitto dalla vita. Il suo soprannome è Santa Muerte, la patrona dei narcos, dei poveri, delle prostitute, dei detenuti, la Santa Muerte è la divinità a cui chiedono aiuto gli ultimi della società. Di lavoro uccide su commissione, inizialmente uccide gente di malaffare, trafficanti, spacciatori, rivali di cosca, persone coinvolte in liti futili. L'uomo comune gli aveva dato più lavoro dei narcotrafficanti e dei boss, la vendetta comune tirava di più dell'uccidere per soldi. Poi una multinazionale lo chiama e gli offre un lavoro: deve uccidere delle persone che consapevolmente cercano la morte e la trovano dopo aver firmato un contratto. Leonida così si reca a Labella, città tanto bella quanto corrotta. Lì conoscerà coloro che dovrà uccidere dopo avergli fatto firmare il contratto. In attesa del grande ed ultimo concerto di Diego Ruiz, Leonida li conoscerà uno ad uno, capirà che ognuno di loro ha motivazioni molto diverse ma ogni motivazione ha stretto loro il cappio intorno al collo senza lasciargli nessuna ragione di vivere ancora. 

"Ognuno ha i suoi fantasmi belli saldi e che stringono le interiora. Se non altro dopo qualche giorno avrebbero ballato con della buona musica. Per l'ultima volta."

E' la prima volta che Leonida conosce le sue vittime prima di ucciderle, riuscirà ad essere distaccato come sempre?
Il punto forte del libro a mio parere è Leonida un personaggio complesso pieno di sfaccettature, è un killer di professione che mostra però di avere un cuore e di provare ancora sentimenti ed emozioni. Nella sua vita c'è stata una donna, Marta, che ha lasciato un segno indelebile e una ferita ancora sanguinante sul cuore. La loro relazione lo ha segnato profondamente e ciò che è successo dopo ancora di più. Leonida pensa di non riuscire più ad amare, a dimostrare di avere un cuore ma come vedremo si sbaglia. Basti pensare a come ha accolto Morgana, una gatta, nella sua vita. 
Un altro elemento che mi è piaciuto della narrazione è la denuncia sociale nei confronti dell'amministrazione pubblica di Labella, l'autore utilizza Labella come esempio ma di Labella purtroppo ce ne sono tante, in Italia e nel mondo. Zanca affronta tale denuncia tramite le parole del cantante Diego Ruiz che ha dedicato proprio una canzone alla città che si intitola Label town. La canzone di Labella, la città delle etichette, del buon senso fasullo, della gente dimenticata tra case che crollano e ponti che cadono. In un mondo indifferente. 
Di testi di canzoni di Diego ne sono stati riportati diversi da Zanca e non possono fare altro  che impreziosire il racconto.
La penna di Zanca è affilata, tagliente, così come l'ironia di Leonida:

"Nell'epoca dei social, si è fratelli dopo tre commenti su Facebook. Leonida era goffo da questo punto di vista quanto veloce a evitare pallottole. vedeva dall'esterno questo crack della socialità allucinogena. Figuriamoci se un killer si può permettere di fare il figo su Instagram. "Ehi, questa è la mia ultima storia, guardate come faccio secco il grassone capitano d'industria".

Prima di Santa Muerte non conoscevo Ettore Zanca, ora sono contenta di aver fatto la sua conoscenza. Leggete Santa Muerte, non ve ne pentirete! Gli ho attribuito punteggio pieno quindi non lasciatevelo scappare! 

💔💔💔💔💔/5💔

L'AUTORE

Ettore Zanca, nato a Palermo nel 1971, scrive per “Io gioco Pulito”, il blog di sport del Fatto Quotidiano e altre testate online. Ha scritto vari racconti tra cui: Oltre la linea bianca, meglio essere Peter Parker (vincitore del premio Società Italiana Psicologia e Criminologia) e nel 2012 il libro Vent’anni, con Daniela Gambino, premio speciale legalità La Torre dell’Orologio.
Il suo ultimo romanzo E vissero tutti feriti e contenti (2017) è stato un successo editoriale.

Commenti

Post più popolari