Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: VIAGGIO NELLA LETTERATURA CON LA PSICOLOGIA

Buongiorno, oggi in collaborazione con Thrillernord, pubblico l'appuntamento mensile con la rubrica di psicologia. Partendo dal libro Il volto dell'assassino di Amy McLellan (trovate la recensione sul blog) vi parlo di prosopagnosia, disturbo del quale è affetta la protagonista del libro.

Autore: Amy McLellan
Traduzione: Maria Elisabetta De Medio
Editore: Corbaccio
Genere: Thriller
Pagine: 360
Anno di pubblicazione: 2020 Link d'acquisto: https://amzn.to/31C3nor
In seguito a un drammatico incidente, Sarah ha cominciato a soffrire di un disturbo neurologico molto particolare: ha perso in parte la memoria, ma soprattutto non riesce più a riconoscere i volti delle persone. Da allora vive con la sorella vedova e con il nipote. Fino a quando, una sera, qualcuno si introduce a casa loro e, mentre Sarah guarda la televisione, la sorella viene pugnalata a morte. Sarah accorre sentendo delle grida provenire dalla cucina, e vede un uomo accanirsi sul corpo della sorella. Ma lei sa che …

Segnalazione: Dietro ai miei occhi

Oggi pubblico la segnalazione di Dietro ai miei occhi di Martina Dugaro che sta partecipando alla campagna di crowfunding di Bookabook, che ne dite? La aiutiamo?


Link della campagna di crowfunding: https://bookabook.it/libri/dietro-ai-miei-occhi/

SINOSSI

La vita di ogni essere vivente procede in maniera monotona. Un uomo si sveglia, lavora, torna a casa, mangia, dorme e il tutto nella speranza di poter vivere abbastanza a lungo da guadagnare un solo attimo di felicità. Un singolo evento è sufficiente per infrangere questo desiderio, per stravolgere la sua esistenza.
È quello che accade a Zacharias e Tasya, due ragazzi che vengono all’improvviso coinvolti in un grave incidente. Prima d’allora non si conoscevano, ora sono accomunati da quel tragico evento scaturito dalla distrazione di Zacharias e che renderà Tasya cieca. Loro non sono i protagonisti della storia, bensì le loro emozioni, che manovrano i due ragazzi come se fossero marionette appese a dei fili, che li avvicinano l’uno all’altra spinti dal desiderio di rimediare ai loro errori e di vivere tutto ciò che prima davano per scontato.

Perché ho scritto questo libro?
Una storia fa versare le lacrime trattenute nei momenti difficili e fa ridere anche quando sarebbe l’ultima cosa che si vorrebbe fare. Ti fa sperare nella bontà dell’uomo, ti fa credere nel vero amore e nel potere dell’amicizia, ti aiuta a capire chi sei e cosa vuoi veramente. Questo è ciò che spero possa fare “Dietro ai miei occhi”: diffondere speranza, positività. Ricordare che non si è mai soli.


L'AUTRICE
Nata a Udine nel 2002, Martina Dugaro si avvicina al mondo della lettura sin da bambina in cerca di storie grazie alle quali sognare a occhi aperti. In breve tempo comincia a scrivere, perdendosi in pagine bianche e scritte nere e dando vita a numerosi personaggi che in parte la rappresentano. Ama scattare fotografie per catturare ogni ricordo e reinterpretare la realtà con semplici disegni. Dietro ai miei occhi è il suo primo romanzo.

Commenti

Post più popolari