Passa ai contenuti principali

In primo piano

#83 L'antipatica di Emiliano Dominici

Buon pomeriggio, oggi in collaborazione con Thrillernord, pubblico la recensione di L'antipatica di Emiliano Dominici, edito Valigie rosse.

Autore: Emiliano Dominici Editore: Valigie Rosse
Genere: Narrativa
Pagine: 184 Anno di pubblicazione: 2019 
E poi c’è la vita, con il suo carico di motivi irrisolti e forse irrisolvibili che ti ronzano nel cervello come un’autoclave; la vita con la sua matassa di attimi, sofferenze e speranze difficile da districare, con il suo corso che interseca o sovrasta il nostro cammino, spesso nei momenti in cui non ce lo aspetteremmo, troppo spesso nei modi in cui non vorremmo. E allora l’antipatia può diventare una forma di resistenza, di salvaguardia contro ciò che non può essere accettato o che abbiamo già sopportato troppo a lungo; essere antipatici per non cedere. A qualsiasi prezzo. Come indica Alberto «Bebo» Guidetti, l’antipatica protagonista di questo romanzo «non si pone troppe domande, ma ne fa sorgere in chi legge».
Avete mai sentito la frase: …

Un regalo sotto l'albero: Kaijin di Linda Lercari



Un regalo sotto l'albero: Kaijin di Linda Lercari


Kaijin - L'ombra di cenere
Ed. Idrovolante – Roma – 31 agosto 2018

Giappone – Periodo Kamakura, anno 1330
Le parole che il fedelissimo samurai Haka mormora sul letto di morte sono un enigma e diventano un tarlo che rode la mente del suo signore. Alla ricerca di indizi che possano far luce sul mistero, Momokushi ripercorre la storia dell'amicizia con l'amico e guerriero, scavando nel passato e visitando i luoghi che sono stati testimoni delle loro imprese di gioventù. Ma ciò che Haka ha mantenuto celato per oltre cinquant'anni non è solo un segreto in grado di sconvolgere una vita, ma è anche la più struggente dichiarazione di amore che un essere umano possa lasciare in dono. Un romanzo dove la natura, il dio della montagna e persino i più bei ciliegi in fiore sembrano conoscere la verità e dove anche un bosco di mandorli può essere più letale di un fendente di spada.


ESTRATTO
Capitolo XIX
L'ombra
La brezza del pomeriggio era calda e piacevole sulla pelle. Sotto i maestosi ciliegi in fiore un viavai frenetico di persone preannunciava l’inizio della festa. Nel rincorrersi delle stagioni era tornato il tempo dell’Hanami, la contemplazione gioiosa della fioritura. Il sole disegnava ombre rosee sulle tovaglie bianche e tutt’intorno era una delicata pioggia di petali e farfalle. Respirò a fondo il profumo inebriante della felicità. Cosa poteva chiedere di più al Dio della Montagna? La giornata era mite e non soffiava alcun vento di guerra. La pace era stabile da un paio d’anni, tempo sufficiente per rilassarsi e dedicarsi alle frivolezze quali poesia, canto, pittura. La contemplazione dei fiori meravigliosi, la declamazione di versi lirici e i festeggiamenti che si sarebbero prolungati sino a sera con la conseguente Yozakura, la Notte del Ciliegio, il momento che prediligeva.


L'AUTRICE
Scrittrice di narrativa, poesia, fantapolitica, racconti noir, romanzi gotici e romanzi storici, pratica l’arte marziale del Kendo presso la storica Scuola Kendo Lucca ed è stata attrice nella compagnia Next Artists di Viareggio specializzata in testi di
Shakespeare rigorosamente in lingua originale. Ha frequentato corsi di recitazione tenuti da Federico Barsanti del Piccolo Teatro Sperimentale, da Pietro Malavenda, da Marco Sodini del Teatro del Giglio di Lucca, da Cathy Marchand del Living Theatre e Mark Roberts dell'Ensemble Studio Theatre di New York. Inoltre fa parte del TOF –Testo Originale a Fronte – gruppo di artisti attivi in Versilia. Ha lavorato con la HarperCollins Italia. Attualmente pubblica con le case editrici Amarganta, Bookabook, Booktribu, Bré e DelosDigital. I suoi romanzi e i racconti sono spesso Bestseller sulle piattaforme Amazon, Kobo e IBS

Commenti

Post più popolari