Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: VIAGGIO NELLA LETTERATURA CON LA PSICOLOGIA

Buongiorno, oggi in collaborazione con Thrillernord, pubblico l'appuntamento mensile con la rubrica di psicologia. Partendo dal libro Il volto dell'assassino di Amy McLellan (trovate la recensione sul blog) vi parlo di prosopagnosia, disturbo del quale è affetta la protagonista del libro.

Autore: Amy McLellan
Traduzione: Maria Elisabetta De Medio
Editore: Corbaccio
Genere: Thriller
Pagine: 360
Anno di pubblicazione: 2020 Link d'acquisto: https://amzn.to/31C3nor
In seguito a un drammatico incidente, Sarah ha cominciato a soffrire di un disturbo neurologico molto particolare: ha perso in parte la memoria, ma soprattutto non riesce più a riconoscere i volti delle persone. Da allora vive con la sorella vedova e con il nipote. Fino a quando, una sera, qualcuno si introduce a casa loro e, mentre Sarah guarda la televisione, la sorella viene pugnalata a morte. Sarah accorre sentendo delle grida provenire dalla cucina, e vede un uomo accanirsi sul corpo della sorella. Ma lei sa che …

Un regalo sotto l'albero: Mistress di Riccardo Mainardi


🎄Un regalo sotto l'albero: Mistress di Riccardo Mainardi 🎄


ESTRATTO
L’auto viaggia veloce verso una meta voluta da entrambi, magica come quella musica che sa far piangere o sorridere, se vuoi.
La bimba si sveglia. Fa sentire la sua amorevole presenza in quell’auto che corre regalando momenti di dolce abbandono. Premurosa, la mamma difende il viso di Raja dai bagliori del sole coprendolo con un buffo cappello troppo grande per il capo minuto della piccina che divertita le sorride.
«Siamo quasi arrivati» dice Roberto imboccando l’uscita autostradale di La Spezia. 
Venti minuti dopo la baia di Portovenere si apre al loro sguardo. Incantevole, arroccata fra rocce a strapiombo sul mare e protetta dall’isola Palmaria, ha un fascino che il tempo non scolora e non farà mai appassire. Le sue tinte trasparenti unite al sole d’agosto vibrano colpi di bellezza e la sua vista dall’alto è il miglior
rimedio per ogni turbamento. L’onda costantemente lieve della baia addomestica anche l’anima più inquieta.
«Cosa pensi che sia?» le chiede a un tratto Roberto mentre l’auto scivola lenta sulla provinciale.
«Qualcosa di molto vicino al paradiso» risponde lei respirando a pieni polmoni quella brezza iodata.
«No, mi chiedevo cos’è il nostro rapporto» precisa lui un po’ timoroso di rompere quell’incanto.
«Certamente qualcosa di non convenzionale, che nessuno finora ha mai codificato» dice la ragazza staccandosi dal finestrino. «Qualcosa di dolce e violento che annulla ogni logica.
Qualcosa che all’inizio vivevo da spettatrice non partecipe perdendomi in giochi maldestri in cui ero soltanto la tua regina. Qualcosa che adesso mi accompagna come un grande mantello che mi protegge dal freddo e dalla pioggia».
«Non avrei saputo descrivere meglio di così ciò che stiamo vivendo» risponde lui che la ascolta estasiato. «Ti confesso che sin dal primo giorno ho temuto di perdermi nei tuoi giochi di dominazione che mi fanno impazzire. E lo temo tutt’ora. Ma, gradatamente, ho avuto modo di conoscere la tua unicità: sei
dirompente, frantumi ogni razionalità, ogni convenzione; sei trasgressiva e illimitata. Talvolta rasenti la follia. Se vorrai, finché vivrò, a prescindere dal corso delle nostre vite, quel mantello ci sarà sempre. Tu e Raja non sentirete più freddo e la pioggia non vi bagnerà mai più…»


L'AUTORE
Classe 1957, laurea in Scienze Politiche alla Statale di Milano, risiede da molti anni a Rapallo, la sua città natale.
Ha diretto diverse filiali di un primario istituto di credito prima di ritirarsi a vita privata e potersi finalmente dedicare alle sue più grandi passioni: la filosofia e la letteratura.
Ama scrivere romanzi, poesie, aforismi e brevi saggi.
Esordisce come narratore nel 2011 con la silloge Le ultime lezioni dell’anno, edizioni Gammarò, classificandosi secondo al Premio Letterario Internazionale Per un mondo migliore.
Ha vinto numerosi concorsi letterari e di filosofia nelle sezioni narrativa, poesia, saggistica e aforismi. Fra questi, nel 2014 si è aggiudicato il primo premio al Concorso Letterario Scriviamo Insieme di Roma nella sezione narrativa inedita con il romanzo Polvere nella nebbia, successivamente pubblicato da
Liberodiscrivere Edizioni. Quest’ultimo romanzo figura altresì fra i dieci finalisti del Premio Carver 2015 e ha ricevuto altri 4 riconoscimenti.
A fine 2018 pubblica con Giovane Holden Edizioni il romanzo storico-fantasy Il sogno di Amos, che si classifica primo al Premio Books for Peace di Roma(sezione Fantasy), si aggiudica un trofeo speciale della giuria al Premio Città di Sarzana 2019 e risulta finalista ai Premi Bukowski e Toscana in Poesia (sezione narrativa).
Negli ultimi anni ha vinto sette premi nazionali di filosofia.
Fra questi, si è classificato primo al Premio Nazionale di Filosofia Alla ricerca dell’anima con un saggio sul tema “Anatomia del rispetto” (Modena 2016) e ha ottenuto la vittoria al Premio Nazionale di Filosofia Le figure del pensiero, sezione Articolo filosofico (Certaldo 2018). L’anno successivo si classifica
secondo nello stesso concorso con il saggio sul tema “Dove abita il bello?”. L’autore ha di recente ultimato la stesura del suo quarto romanzo intitolato Mistress, finalista al Premio Letterario Internazionale Città di Como 2019 per la narrativa inedita.
MAINARDI RICCARDO
Nato a Rapallo (Genova) il 18/02/1957
Indirizzo: Via Don Minzoni 29 A/6
16035 Rapallo (Genova)
Telefono: 339 8049882
Indirizzo posta elettronica: riki.mainard@gmail.com

Commenti

Post più popolari