Passa ai contenuti principali

In primo piano

#83 L'antipatica di Emiliano Dominici

Buon pomeriggio, oggi in collaborazione con Thrillernord, pubblico la recensione di L'antipatica di Emiliano Dominici, edito Valigie rosse.

Autore: Emiliano Dominici Editore: Valigie Rosse
Genere: Narrativa
Pagine: 184 Anno di pubblicazione: 2019 
E poi c’è la vita, con il suo carico di motivi irrisolti e forse irrisolvibili che ti ronzano nel cervello come un’autoclave; la vita con la sua matassa di attimi, sofferenze e speranze difficile da districare, con il suo corso che interseca o sovrasta il nostro cammino, spesso nei momenti in cui non ce lo aspetteremmo, troppo spesso nei modi in cui non vorremmo. E allora l’antipatia può diventare una forma di resistenza, di salvaguardia contro ciò che non può essere accettato o che abbiamo già sopportato troppo a lungo; essere antipatici per non cedere. A qualsiasi prezzo. Come indica Alberto «Bebo» Guidetti, l’antipatica protagonista di questo romanzo «non si pone troppe domande, ma ne fa sorgere in chi legge».
Avete mai sentito la frase: …

#81 E fuori vennero i lupi di Andrea Marzocchi

Buon pomeriggio, oggi pubblico la recensione di E fuori vennero i lupi di Andrea Marzocchi edito AUGH! Edizioni. Ringrazio l'ufficio stampa per la copia digitale.


Autore: Andrea Marzocchi
Editore: AUGH! Edizioni
Pagine: 260
Data di pubblicazione: 30 ottobre 219
Genere: romanzo


Dopo una cena di tensioni e silenzi, Michele Cattabriga si sveglia con la volontà di fare pace con Marta, la donna che ama. Si ritrova però imprigionato nel seminterrato della loro abitazione, senza alcun contatto con l'esterno. Michele, che scrive cruciverba e ha fatto dell'enigmistica un lavoro, non riesce a definire i contorni della misteriosa reclusione. Quindi fa riaffiorare, ripercorrendoli, i punti salienti del proprio passato: dalla perdita del padre all'adolescenza trascorsa in Scozia, terra d'origine della madre e teatro dei suoi primi esperimenti di "adultità". E poi l'incontro con Marta, una storia di alti e bassi, esaltazioni e dolori, costruita attorno al segreto che lei custodisce. Un romanzo che segue e scava nella psicologia del protagonista, alla ricerca di un senso che possa dirimere l'enigma della sua prigionia; un gioco di specchi in cui la realtà sembra emergere solo incrociando il significato delle parole chiave della propria vita.


Ti chiami Michele Cattabriga. Il tuo cognome, nel dialetto delle parti in cui sei nato e vivi, significa "cerca guai". Ma non per te, figuriamoci. Sei un tipo concreto, uno da rivista scientifica sul tavolino del salotto. Cattabriga è solo l'insieme di lettere che identifica il tuo ceppo familiare. Anche se una parte di te sospetta che a volte le etichette siano come calamite: attirino. E quando si tratta di avvenimenti, propizino.

Michele di mestiere fa le parole crociate, è ciò che ha sempre voluto fare. Sa come usare le parole, come giocarci, come manipolarle. E' ciò che fa anche durante la narrazione, forse per esorcizzare ciò che gli accade, per dare un senso a ciò che sembra  non averne. Un mattino Michele si sveglia su un materasso buttato nel seminterrato di casa sua, non sa spiegarsi perché si trova lì, come ci sia finito. Lui nel seminterrato non ci va quasi mai. Si chiede subito che fine abbia fatto Marta, la sua fidanzata. Chi lo ha rinchiuso lì può averle fatto del male? Cosa vogliono da lui? Michele che crea enigmi per lavoro non sa darsi una spiegazione sull'enigma che l'ha improvvisamente coinvolto.
Tra momenti di sconforto, richieste di aiuto urlate a squarciagola, sonni agitati, Michele ripercorre la sua esistenza. Riflette sul suo passato, sulla sua infanzia, sul rapporto con i genitori, sul tempo passato in Scozia, terra della madre. In particolare ripensa e riflette sull'incontro con la bellissima Marta, sul loro rapporto, a come si è evoluto nel tempo. Tutta la narrazione è fatta di grandi riflessioni, di giochi di parole che intrattengono e fanno riflettere il lettore. Il finale è stato inaspettato e l'ho apprezzato.
E fuori vennero i lupi è un romanzo che merita attenzione, che necessita di concentrazione per assaporare le parole, i pensieri del suo protagonista.
La narrazione a volte l'ho trovata un po' lenta, troppo concentrata sul passato di Michele. Mi sarebbe piaciuto che Michele riflettesse maggiormente su ciò che gli accade nel presente, sulla sua prigionia, su ciò che egli è ora, magari anche sul suo futuro.
Consiglio la lettura di E fuori vennero i lupi a coloro che amano i romanzi introspettivi e anche a chi ama giocare con le parole come fa il suo protagonista.

🌟🌟🌟/5🌟

Commenti

Post più popolari