Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: 2MAMME4LIBRI

Buon pomeriggio, è tornato l'appuntamento mensile con la rubrica 2mamme4libri in collaborazione con Francesca Righi. Questa volta il tema scelto è il cibo e di conseguenza abbiamo scelto due libri a testa che trattano di cibo. Per i bambini ho scelto I tre tortellini di Roberto Piumini, mentre per i più grandi ho scelto Estasi culinarie di Muriel Barbery.
ESTASI CULINARIE Autrice: Muriel BarberyEditore: Edizioni e/oPagine: 139Data di pubblicazione: 3 marzo 2010Genere: romanzoLink d'acquisto:https://amzn.to/3mZlGvO

Nel signorile palazzo di rue de Grenelle, già reso celebre dall'"Eleganza del riccio", monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione, è in punto di morte. Il despota cinico e tremendamente egocentrico, che dall'alto del suo potere smisurato decide le sorti degli chef più prestigiosi, nelle ultime ore di vita cerca di recuperare un sapore primordiale e sublime, un sapore provato e che ora gli sfugge, il Sapo…

REVIEW PARTY: Agnes Grey


Buongiorno, come vi avevo promesso eccomi qui con la recensione di Agnes Grey. Ringrazio Mondadori per la copia e Miriam Giorgi per l'organizzazione dell'evento.


Autrici: Sorelle Bronte
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 25 agosto 2020

 

Da Cime Tempestose, a Jane Eyre, passando per Agnes Grey, fino ai meno noti L'angelo della tempesta, La Signora di Wildfell Hall e Shirley, le tre sorelle Bronte ci hanno lasciato romanzi immortali , capolavori della narrativa ottocentesca pieni di pathos e emozione, ciascuna con la propria voce. A questi romanzi si aggiungono i sublimi versi nei quali rivive tutto il fascino della natura selvaggia delle brughiere dello Yorkshire, tra distese d'erica, roccia e foschia. Questo volume offre l'occasione per riscoprire tre voci femminili originalissime nel panorama letterario, tra incanto, disperazione, e il desiderio insopprimibile di affermare la propria identità.
 
Agnes Grey è sicuramente il meno conosciuto e apprezzato delle sue sorelle Cime tempestose e Jane Eyre ed è un vero peccato perché, a parer mio, non ha nulla da invidiare. Questo classico, primo libro di Anne Bronte scritto nel 1847, è un degno rappresentante dell'epoca vittoriana. In quest'epoca, gli unici lavori che potevano svolgere le donne erano l'insegnante e l'istitutrice. Agnes per aiutare la famiglia caduta in disgrazia, decide di lavorare proprio come istitutrice. Ciò è possibile grazie all'istruzione privata ricevuta dalla madre. Agnes si reca così prima dalla famiglia Bloomfield e poi dalla famiglia Murray. In entrambe le famiglie la ragazza si scontra spesso con la maleducazione e l'arroganza dei suoi componenti. I bambini e ragazzi di cui si deve occupare Agnes sono viziati, svogliati, arroganti, maleducati e dispettosi. I signori pretendono che la ragazza tratti bene i figli, che non li sgridi e che sia paziente con loro. Tutti la trattano come una sottoposta, una lavoratrice di
ceto inferiore che si deve adattare ad ogni capriccio dei suoi signori. Agnes nel suo diario parla spesso della sua insofferenza, della difficoltà nell'impartire una disciplina e nell'essere paziente. Inoltre per lei è molto penoso dover stare lontana dalla famiglia, dai genitori e dalla sorella, soprattutto dal padre che è molto malato. L'unica consolazione è per lei la fede in Dio, la fede incrollabile che consola nei momenti più difficili e che è fonte di gioia nei momenti più belli. Anne Bronte infarcisce la narrazione di citazioni bibliche e a tema religioso, da ciò si capisce quanto sia anche lei credente.
Per Agnes diventano di conforto i sermoni di Edward Weston, l'uomo del quale si innamora nel periodo in cui lavora a casa della famiglia Murray. 

Oh, mi hanno rapito la speranza
a cui si afferrava il mio spirito;
mi negano di udire quella voce
che è delizia e gioia del mio animo.
Non mi concedono di vedere quel volto
che è per me delizia e gioia;
hanno strappato da me il tuo sorriso,
mi hanno privato del tuo amore.
Prendano pure quel che possono prendere;
a me rimane un grande tesoro:
un cuore che ama pensare a te
e sente il valore del tuo

Agnes Grey, oltre ad avere un grande valore storico, ha anche valore pedagogico e didattico per la grande importanza che l'autrice attribuisce al lavoro dell'istitutrice e dell'insegnamento.
L'edizione pubblicata dalla Mondadori è davvero meravigliosa, racchiude le opere delle sorelle Bronte in un libro curato nei dettagli e arricchito di bellissime illustrazioni.
 

Commenti

Post più popolari