Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: 2MAMME4LIBRI

Buon pomeriggio, è tornato l'appuntamento mensile con la rubrica 2mamme4libri in collaborazione con Francesca Righi. Questa volta il tema scelto è il cibo e di conseguenza abbiamo scelto due libri a testa che trattano di cibo. Per i bambini ho scelto I tre tortellini di Roberto Piumini, mentre per i più grandi ho scelto Estasi culinarie di Muriel Barbery.
ESTASI CULINARIE Autrice: Muriel BarberyEditore: Edizioni e/oPagine: 139Data di pubblicazione: 3 marzo 2010Genere: romanzoLink d'acquisto:https://amzn.to/3mZlGvO

Nel signorile palazzo di rue de Grenelle, già reso celebre dall'"Eleganza del riccio", monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione, è in punto di morte. Il despota cinico e tremendamente egocentrico, che dall'alto del suo potere smisurato decide le sorti degli chef più prestigiosi, nelle ultime ore di vita cerca di recuperare un sapore primordiale e sublime, un sapore provato e che ora gli sfugge, il Sapo…

REVIEW PARTY: Gli scomparsi di Alessia Tripaldi

Buongiorno, eccoci con la recensione di Gli scomparsi di Alessia Tripaldi, edito Rizzoli che ringrazio per la copia cartacea. Ringrazio anche Ylenia del blog Cronache di Lettrici Accanite per l'organizzazione dell'evento. 

 Autrice: Alessia Tripaldi
Editore: Rizzoli
Pagine: 400
Data di pubblicazione: 7 luglio
Genere: Thriller


Il discendente di Cesare Lombroso indaga su una serie di inquietanti rapimenti di bambini.
Gli scomparsi non è solo un thriller psicologico che toglie il respiro: è il viaggio al termine della ragione dove si nasconde l’altra faccia di ognuno di noi. Un cadavere mutilato emerge da un tumulo di sterpaglie. Un ragazzo scalzo e magro dice di chiamarsi Leone e che quello è il corpo di suo padre, con cui ha sempre vissuto nei boschi. Quale segreto si nasconde tra le montagne impenetrabili del Centro Italia? La risposta spetta al commissario Lucia Pacinotti. «Un’altra sigaretta e poi vado» è la frase che ripete tra sé mentre è appostata in macchina cercando il coraggio di bussare alla porta del suo vecchio compagno di università, Marco Lombroso. Nonostante la frattura improvvisa che li ha separati anni prima, lui è l’unico che può aiutarla a dipanare il mistero del “ragazzo dei boschi”. Ciò che Lucia non sa è che bussando a quella porta costringerà Marco a riaprire anche il vecchio baule ereditato dal suo avo, Cesare Lombroso. Tra le pagine dell’Atlante dei criminali, nei pattern che collegano i crimini più efferati della Storia, si cela la verità, ma per trovarla è necessario addentrarsi nei fitti boschi delle montagne e in quelli ancora più intricati dell’ossessione per il male. Una forza narrativa irresistibile, una tensione travolgente, dei personaggi pieni di difetti ma che ameremo alla follia: sono solo alcuni degli ingredienti di questa storia. Alessia Tripaldi ci conduce nei labirinti della psiche umana, in bilico tra luce e ombra.

Gli scomparsi è un thriller come piace a me, ricco di colpi di scena, personaggi indimenticabili, un'indagine coinvolgente, un thriller che fonda le sue radici nel passato.
Lucia Pacinotti è commissario in una cittadina dell'Abruzzo, si trova ad indagare sulla morte di un uomo mutilato trovato in un bosco, sotto le sterpaglie. Accanto al cadavere c'è un ragazzo, Leone, che afferma di essere il figlio dell'uomo deceduto e di aver vissuto sempre con lui nei boschi. Entrare in contatto con Leone non è facile, per lo stile di vita che ha adottato fino a quel momento, come è possibile che abbia vissuto sempre nei boschi? Lucia vuole fare chiarezza sul suo passato e su quello del padre, ma come? Le indagini faticano ad ingranare e dai piani alti si intuisce il disinteresse nei confronti del caso. Il fiuto di Lucia non sbaglia, lei sa che c'è altro, vuole che le indagini proseguano, sente il bisogno di conoscere veramente Leone. L'unico modo, secondo lei, è quello di contattare Marco Lombroso, suo ex compagno di studi e grande amico fino a quando si è ritirato dal corso di criminologia ed è sparito. Marco non vuole rivangare il passato, un passato doloroso che ha seppellito così come il suo baule dei ricordi. Marco porta sulle spalle il peso di un cognome importante, quello di Cesare Lombroso, considerato da alcuni il padre della criminologia moderna. La sua teoria non è esente da critiche, considerata una teoria razzista che si basa sulla fisionomia di chi commette reato.
Marco è sempre stato attratto dalle teorie del suo antenato, tanto da esserne ossessionato e da conservarne l'atlante dei criminali

Lucia ripensa alla dicitura che ha intravisto nella prima pagina: ATLANTE DEI CRIMINALI DI MARCO LOMBROSO. Sul momento ha pensato che fosse un gioco, una citazione scherzosa del famigerato Atlante dei criminali di Cesare Lombroso, ma adesso comprende la vera funzione di quell'album.
 «Quindi hai classificato i criminali in base agli archetipi? »
«Li ho classificati in base alla loro personalità, che è ciò che gli archetipi rappresentano.»

Marco ha talento e Lucia lo sa quindi lo coinvolge nelle indagini, ma dov'è il limite tra una passione travolgente e l'ossessione? La Tripaldi fa conoscere al lettore l'esperienza di vivere in bilico, su questo confine che, se ci si sbilancia troppo si finisce direttamente in un abisso fatto di ossessioni. Con lo svolgimento delle indagini tra Marco e Lucia si riaccende la fiamma dell'amicizia, della complicità ma tornano anche le ombre di quel passato che non è mai stato risolto.
L'autrice ha creato con Marco e Lucia una coppia sui generis che è impossibile non apprezzare ed amare. Lucia è una donna determinata, indipendente, coraggiosa, che ama il suo lavoro mentre Marco è un uomo riservato, chiuso, preda dei suoi tormenti. Insieme funzionano alla grande, riusciranno a scoprire chi siano Leone e suo padre? e quale sia il loro passato?
Consiglio la lettura di Gli scomparsi agli amanti del thriller perché è un libro meraviglioso. Lo considero uno dei libri più belli del 2020 quindi non potete perdervelo! Spero di poter leggere ancora le indagini condotte da Lucia e Marco.

⭐⭐⭐⭐⭐ /5⭐

L'AUTRICE
Alessia Tripaldi è sociologa e cofondatrice dell’organizzazione Sineglossa. Ha lavorato per diverse case di produzione come sceneggiatrice. Questo è il suo primo romanzo.

Commenti

Post più popolari