Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: 2MAMME4LIBRI

Buon pomeriggio, è tornato l'appuntamento mensile con la rubrica 2mamme4libri in collaborazione con Francesca Righi. Questa volta il tema scelto è il cibo e di conseguenza abbiamo scelto due libri a testa che trattano di cibo. Per i bambini ho scelto I tre tortellini di Roberto Piumini, mentre per i più grandi ho scelto Estasi culinarie di Muriel Barbery.
ESTASI CULINARIE Autrice: Muriel BarberyEditore: Edizioni e/oPagine: 139Data di pubblicazione: 3 marzo 2010Genere: romanzoLink d'acquisto:https://amzn.to/3mZlGvO

Nel signorile palazzo di rue de Grenelle, già reso celebre dall'"Eleganza del riccio", monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione, è in punto di morte. Il despota cinico e tremendamente egocentrico, che dall'alto del suo potere smisurato decide le sorti degli chef più prestigiosi, nelle ultime ore di vita cerca di recuperare un sapore primordiale e sublime, un sapore provato e che ora gli sfugge, il Sapo…

RUBRICA: Viaggio nella letteratura con la psicologia

Buon pomeriggio, oggi in collaborazione con Thrillernord pubblico l'appuntamento con la rubrica Viaggio nella letteratura con la psicologia. Questa volta vi parlo di menzogna e lo faccio partendo dal libro Non disturbare di Claire Douglas, edito Nord.

Non disturbare, Claire Douglas, Editrice Nord


Autore: Claire Douglas
Traduzione: Francesca Toticchi
Editore: Nord
Genere: thriller
Pagine: 368
Anno di pubblicazione: 2020
Link d'acquisto: https://amzn.to/3m889l8


Quando sua madre le propone di rilevare un cottage a Brecon Beacons, nel Galles, per trasformarlo in un Bed&Breakfast, Kirsty è ben felice di accettare. Dopo l’esaurimento nervoso del marito Adrian, sia loro sia le figlie hanno bisogno di un nuovo inizio. Certo, i lavori da fare sono tanti e la gente del posto non accoglie le novità con entusiasmo, tuttavia Kirsty è convinta di poter superare ogni ostacolo. Ciò che non può tollerare, però, è vivere sotto lo stesso tetto con la cugina Selena, che un giorno si presenta alla sua porta. Le due donne non si parlano da diciassette anni, da quando le bugie di Selena hanno quasi distrutto la famiglia. E infatti ancora una volta la sua presenza destabilizza il delicato equilibrio della casa, soprattutto perché Selena nel giro di breve tempo si fa raggiungere dall’ex fidanzato e dal fratello di Kirsty, che ha con lei un rapporto burrascoso. A ciò si aggiunge una serie di eventi sempre più inquietanti: prima spariscono dei giocattoli dalla stanza delle bambine, poi un bouquet di fiori marci viene lasciato di fronte all’ingresso del cottage, e infine Kirsty trova un cappio nella mansarda, chiara allusione al tentato suicidio di Adrian. Possibile che Selena si sia spinta a tanto? O è qualcun altro a tormentare Kirsty e la sua famiglia? Una cosa è certa: quelle minacce diventeranno presto una tragica realtà…


Non disturbare è un thriller che tratta diverse tematiche psicologiche come la depressione, il lutto, il rapporto genitori-figli e la menzogna. Proprio di questa ultima tematica vi voglio parlare in questo nuovo appuntamento con la rubrica. Kirsty è la protagonista del libro, ha deciso di trasferirsi con la famiglia e la madre nel Galles per realizzare un sogno: aprire un B&B. Dopo la depressione del marito questa sembra la scelta migliore per lui e per l’intera famiglia. Quando la madre di Kirsty le comunica che la cugina Selena, insieme alla figlia, avrebbe trascorso qualche giorno nel B&B, la donna è arrabbiata e preoccupata. Le due cugine non si parlano da diciassette anni a causa di una tremenda bugia raccontata da Selena. Quest’ultima era avvezza alle bugie, ne raccontava di gravi e meno gravi arrivando ad essere una bugiarda patologica e Kirsty dopo quell’ultima bugia ha deciso di chiudere ogni rapporto definitivamente. Ora che è una donna, Selena avrà smesso di raccontare bugie? Come si dice: “le bugie hanno le gambe corte” e se Selena non ha smesso di raccontarle Kirsty lo scoprirà.
Cos’è la menzogna? La menzogna è una riproduzione verbale di un’immagine della realtà, volutamente alterata con lo scopo di condizionare la reazione cognitiva, emotiva e comportamentale dell’altro. La menzogna è caratterizzata da tre elementi essenziali:
  • La falsità del contenuto di colui che comunica in modo linguistico o paralinguistico;
  • La consapevolezza del contenuto falso;
  • L’intenzionalità di ingannare l’interlocutore
Bisogna ricordare che la menzogna si sviluppa su due canali comunicativi: il primo è il canale verbale che comprende la successione logica delle parole, il secondo è il canale non verbale che si compone di abilità paralinguistiche come la voce, la mimica facciale, i gesti e la prossemica. Possiamo suddividere le bugie in bugie bianche, compulsive e patologiche.
Bugie bianche. Da bambini si inizia con le bugie più semplici, che vengono pronunciate tra i 2-3 anni, per arrivare ai 3-4 anni con il raccontare bugie più complesse. Nella psicologia dello sviluppo tutto questo, sebbene possa apparire una contraddizione, è riconosciuto come un segno di intelligenza sociale. I bambini, e molti adulti, gestiscono in modo del tutto naturale le bugie bianche, considerate innocue e volte soprattutto a salvaguardare i propri sentimenti e quelli altrui. Bugie compulsive. Ci sono persone che abbelliscono le proprie vite con una serie infinita di aneddoti e storie inventate o alterate in qualche modo, e che dunque non corrispondono alla realtà. Si tratta di persone divenute ormai dipendenti dalle loro storie fantastiche e che soffrono di una profonda insicurezza.
Bugie patologiche. Fredde e calcolatrici, le bugie patologiche contengono obiettivi e interessi specifici, di solito egoistici. Sono bugie manipolative e astute. Queste forme di menzogne, a differenza delle bugie ​​bianche, sono usate da persone che basano la propria vita su di esse; le loro falsità condizionano negativamente le vite degli altri, causano danni profondi alle loro vittime.
La differenza tra bugiardo compulsivo e bugiardo patologico risiede nel fatto che il primo utilizza la bugia per affrontare una realtà che non è in grado di affrontare, mentre il bugiardo patologico mente a prescindere, ma soprattutto per manipolare gli altri e crea una realtà congeniale ai suoi fini. Selena, cugina di Kirsty, è proprio una bugiarda patologica perché con le sue bugie arriva a far del male alle altre persone e vuole a tutti i costi attirare l’attenzione su di sé.
La bugia patologica si caratterizza come una forma di difesa verso quel mondo che fin dall’infanzia ha sempre tradito e abbandonato il soggetto, obbligandolo a creare una personalità diversa per poter essere apprezzato e riconosciuto. Il bugiardo patologico impara a rendere tutto più bello e a farsi apprezzare per non rischiare che qualcuno scopra la sua grande disperazione e il suo vuoto interiore. Terapia. Il primo passo per uscire da questo disturbo psichico richiede che la persona sia in grado di riconoscere il proprio problema. La maggior parte dei bugiardi patologici nega quando viene messa di fronte al problema. Il trattamento prevede l’aiuto da parte di psicologi e psicoterapeuti e psichiatri oltre che il sostegno di familiari ed amici. Perché il trattamento sia efficace è necessario andare a determinare la causa principale che ha portato la persona a mentire ricorrentemente e compulsivamente.
Una curiosità: Uno studio condotto dall’Università del Massachusetts ha rivelato che per il 60% degli adulti non è possibile avere una conversazione di dieci minuti senza dire una bugia. Questo solo nel caso in cui i due interlocutori si conoscano già; se è la prima volta che si parlano, invece, la media ammonta a tre bugie nei primi dieci minuti.

PAGINE WEB CONSIGLIATE:
LIBRI CONSIGLIATI:
  • Psicologia della menzogna (2012) Serena Mastroberardino. Carocci Editore.
  • Verità/menzogna (2018) George Orwell. Oscar Mondadori.
  • Menzogna, autoinganno, illusione (1998) Daniel Goleman. Rizzoli.

Commenti

Post più popolari