Passa ai contenuti principali

In primo piano

RUBRICA: VIAGGIO NELLA LETTERATURA CON LA PSICOLOGIA

  Buon pomeriggio, eccomi qui con un nuovo appuntamento con la rubrica di psicologia in collaborazione con Thrillernord. Autore: Torey Hayden Traduzione: Silvia Piracant Editore: Corbaccio Genere: Narrativa Pagine: 349 Anno di pubblicazione: 2009   “Zoo Boy. Le gambe del tavolo erano le sbarre della sua gabbia. Si dondolava, con le braccia sopra la testa, come a proteggersi. Avanti e indietro, avanti e indietro. Un’assistente lo spronava a uscire da sotto il tavolo, ma senza risultato. Lui si dondolava, avanti e indietro, avanti e indietro. “Lo guardavo standomene dietro uno specchio-finestra. “Quanti anni ha?” chiesi alla donna che era alla mia destra. “Quindici”. Non si poteva dirlo più un ragazzo. Mi appoggiai contro il vetro, per vederlo meglio. “Da quanto è qui?” domandai. “Quattro anni.” “Senza mai parlare?” “Senza mai parlare.” La donna alzò gli occhi a guardarmi, nella tetra oscurità di quella stanza dietro lo specchio. “Senza mai far sentire il suono della sua voce”. Così

REVIEW TOUR: Il sentiero delle lucciole di Jane Rose Caruso


 

Buongiorno, oggi torno con la recensione di Il sentiero delle lucciole, un libricino davvero molto carino e profondo. 

Il sentiero delle lucciole, Jane Rose Caruso

Titolo: Il sentiero delle lucciole
Autore: Jane Rose Caruso
Editore: self publishing 
Data di pubblicazione: 11 Novembre 2020
Genere: racconto romance
 

In seguito alla morte del padre, Melanie Sophie Spencer, affermata psicologa, è costretta a trasferirsi da Parigi nella fattoria dove è cresciuta, a Conerville.Non è facile, per Melanie, ritrovarsi faccia a faccia con i ricordi più dolci, intimi e dolorosi della sua infanzia: la vita in campagna, i sapori e gli odori di casa, ma anche la morte di sua madre e il bullismo subito da adolescente. Dal passato di Melanie non tornano, però, solo i tramonti infuocati, l’odore del fieno appena tagliato e i malinconici ricordi familiari, ma anche Jonny, il suo migliore amico da bambina, la ragione per cui Melanie è riuscita a sopportare tutto. Per la ragazza inizia uno struggente viaggio nel passato, partendo da Conerville... dove i sentieri sono illuminati dalle lucciole e dalla speranza. 


E' il primo libro che leggo di Jane Rose Caruso e devo dire che mi conquistata con questa storia. E' un racconto fatto di emozioni autentiche, genuine, di rapporti duraturi, di paesaggi mozzafiato, di ricordi indelebili. Melanie psicologa che lavora a Parigi dove è fuggita anni prima, torna a casa, nella sua Conerville.Qui la aspettano Malcolm, il fratello, Nanà la donna tuttofare che li ha cresciuti e che è una seconda mamma e una casa piena di ricordi. Per Melanie non è facile tornare a Conerville perché da ragazza è stata vittima di bullismo e perché i genitori non ci sono più. Queste sono per la donna due ferite aperte, che sanguinano ancora. Il bellissimo rapporto con il fratello e con Nanà che la vizia come faceva un tempo sono per lei un balsamo sulle ferite. Anche l'incontro con Jonny, suo migliore amico di infanzia, è stato provvidenziale, la loro intesa non si è mai spezzata.
In occasione della Festa delle lucciole che si svolge ogni anno, Melanie si troverà ad aiutare Nanà, Malcolm e Jonny con lo stand che allestiscono ogni anno con i prodotti fatti in casa. Darà modo a
Melanie e Jonny di passare del tempo insieme, chissà, forse la magia delle lucciole li avvicinerà ancora di più...
Il sentiero delle lucciole, oltre ad avere una copertina meravigliosa, è un libro toccante, che mette di buon umore e che fa sperare in un futuro più roseo, anche quando la vita sembra volerti mettere alla prova continuamente.
L'autrice ci ha messo al corrente dei pensieri e delle emozioni più intime della sua protagonista facendocela sentire vicina, aiutandoci ad immedesimarci con lei. Il dolore da lei provato è palpabile, si soffre  con lei ma si gioisce anche con lei.
 
Era tornata con il cuore pietrificato e ora, in pochi giorni la corazza aveva ceduto lasciando libero sfogo alle emozioni. I sentimenti si erano aggrovigliati e come un arcobaleno erano comparsi all'improvviso come dopo una tempesta. Quella tempesta aveva dominato fin troppo il suo animo, l'aveva inseguita e attanagliata.
 
Consiglio la lettura di Il sentiero delle lucciole a chi voglia leggere un racconto breve che metta di buon umore e chi ti lascia con un sorriso.

Commenti

Post più popolari